Argentina, entra in vigore legge per swap debito 2005

giovedì 10 dicembre 2009 15:00
 

BUENOS AIRES, 10 dicembre (Reuters) - La legge che permette all'Argentina di emettere nuovi bond per effettuare lo swap sui titoli del debito pubblico del 2005 è entrata in vigore oggi.

Il governo ha pubblicato sul "Boletin Oficial" la legge che è stata approvata il mese scorso dal Congresso, riaprendo così la ristrutturazione del debito del 2005 e permettendo di fare una nuova offerta aI detentori dei bond, circa un quarto del totale, che avevano rifiutato il precedente swap e in alcuni casi hanno fatto causa all'Argentina in un tentativo di recuperare per intero il valore del bond.

Viene sospesa così la cosiddetta "ley Cerrojo", o Bolt law, che impedisce di modifcare l'accordo raggiunto nel 2005. Il governo in questo caso non potrà però fare un'offerta con termini migliori.

I mercati erano in attesa dell'entrata in vigore della legge, vista come passo preliminare all'archiviazione della posizione dell'Argentina da parte dei regolatori di borsa di Usa, Europa e Asia, che contiene i termini dell'offerta dello swap su circa 20 miliardi di dollari.

Il debito dell'Argentina è andato in default per circa 100 miliardi di dollari dopo una crisi politica ed economica negli anni 2001/2002. Nel 2005 il paese ha ristrutturato il proprio debito, costringendo gli investitori ad accettare enormi perdite.

Tali procedimenti hanno impedito all'Argentina di riaffacciarsi sui mercati globali. A fronte di finanziamenti limitati e con le obbligazioni sul debito in crescita, l'Argentina ha deciso di riaprire lo swap del 2005 in modo da chiudere le cause e raccogliere nuovi finanziamenti.