Svizzera, banca centrale lascia tassi fermi, decisa su forex

giovedì 10 dicembre 2009 10:43
 

ZURIGO, 10 dicembre (Reuters) - La Banca Nazionale Svizzera ha lasciato oggi invariati i tassi di interesse e mantiene il suo impegno a combattere l'apprezzamento del franco svizzero visto che le incertezze sulla recente ripresa economica restano alte.

L'economia svizzera in generale è risultata essere meno colpita dalla crisi globale rispetto ad altri paesi, nonostante il suo consistente settore bancario e la profonda recessione terminata la scorsa estate.

Ma la SNB ha detto che, se l'industria finanziaria si sta gradualmente riprendendo, altri deterioramenti non si potrebbero del tutto escludere e restano i rischi di deflazione.

"Ci sono ancora consistenti incertezze sull'evoluzione della situazione" dice un comunicato della banca centrale dopo la decisione sui tassi. "La Banca centrale agirà per prevenire qualsiasi eccessivo apprezzamento del franco nei confronti dell'euro".

Snb ha detto che la banda di oscillazione per il tasso Libor a tre mesi sul franco svizzero è rimasta a 0,00-0,75% e che continuerà nel proposito di tenere il Libor allo 0,25%.

La banca centrale ha anche rinnovato il suo impegno a fornire generosamente liquidità.

"La politica monetaria espansionistica non può essere mantenuta indefinitivamente" ha detto "senza compromettere la stabilità dei prezzi nel medio-lungo periodo".

La maggior parte degli economisti non vede rialzi dei tassi prima della seconda metà del 2010.

La Snb prevede l'inflazione allo 0,5% l'anno prossimo, stima rivista rispetto alle precedenti previsioni di +0,6%, e nel 2011 allo 0,9%.

Quanto al Pil, la banca centrale vede per il 2010 una crescita a 0,5-1,0% dopo un calo dell'1,5 del 2009.