Finanziaria, frizioni su fiducia. Tremonti stizzito

mercoledì 9 dicembre 2009 17:07
 

ROMA, 9 dicembre (Reuters) - Prime frizioni alla Camera sulla quasi scontata fiducia alla Finanziaria.

Alle opposizioni che si dichiarano disposte a ridurre drasticamente gli emendamenti, il ministro dell'Economia Giulio Tremonti risponde che i deputati sono in aula per parlare non di metodo ma per "avviare la discussione d'aula".

"Sul lavoro di commissione va riconosciuto il fatto che non c'è stato ostruzionismo, ma una discussione anche intensa e prolungata. Questo è stato positivo. Ora siamo qui per discutere non di metodo ma per avviare la discussione d'aula", ha detto Tremonti.

In precedenza il leader dell'Udc, Pierferdinando Casini, aveva proposto al governo "un patto a difesa della centralità del Parlamento".

"Noi riduciamo gli emendamenti e il governo accetta la discussione e il voto degli emendamenti senza l'apposizione del voto di fiducia", aveva detto Casini.

Anche il Pd, per bocca del deputato Marco Ventura, si era mostrato disponibile a "un drastico ridimensionamento degli emendamenti".

Il governo potrebbe porre la questione di fiducia tra venerdì e martedì prossimo. Formalmente l'esame la Camera deve chiudere l'esame della Finanziaria entro giovedì 17 dicembre.