2 dicembre 2009 / 16:04 / 8 anni fa

Finanziaria, governo in difficoltà, Tremonti segue lavori

ROMA, 2 dicembre (Reuters) - Governo in difficoltà sugli emendamenti alla Finanziaria.

Dopo la conferma di inammissibilità per alcuni emendamenti, il Tesoro sta lavorando alla loro riformulazione nel tentativo di superare l'impasse, che dura da ieri.

Ai lavori odierni ha partecipato anche il ministro Giulio Tremonti.

Il titolare dell'Economia, dopo aver lasciato in anticipo i lavori dell'Ecofin per tornare a Roma, ha incontrato il ministro per la Semplificazione normativa Roberto Calderoli, il presidente della commissione Bilancio Giancarlo Giorgetti, il suo consigliere politico e deputato del Pdl Marco Milanese, il sottosegretario all'Economia Alberto Giorgetti, il capogruppo della Lega Nord alla Camera Roberto Cota.

"Si è discusso soprattutto di tempi", riferisce una fonte di maggioranza presente all'incontro, senza fornire altri dettagli.

È certo che Tremonti continuerà a essere presente ai lavori e già domani dovrebbe tornare per incontrare una delegazione di Pdl e Lega.

Al termine della riunione di oggi il ministro non ha rilasciato dichiarazioni ma ai cronisti è apparso teso.

Ieri la commissione Bilancio ha accolto solo 2 emendamenti sui 14 presentati dal governo. Dei 12 che restavano, 5 sono stati dichiarati inammissibili e 7 congelati in attesa della relazione tecnica.

Il governo ha fatto ricorso contro l'inammissibilità dei 5 emendamenti bocciati, ma Giorgietti ha confermato lo stop.

Tra gli emendamenti respinti figura il taglio da 300 milioni a Regioni, province e comuni.

"L'emendamento verrà riproposto integralmente, mettendo in evidenza i risparmi di spesa", ha detto Calderoli.

Il governo aspetta di raggiungere l'intesa in conferenza Stato-Regioni. A quel punto sarà ripresentato non solo l'emendamento che riduce il numero di assessori e consiglieri comunali e provinciali, ma anche l'emendamento sul Patto per la salute.

La commissione comincerà a votare gli emendamenti domani sera. Il via libera è previsto entro sabato, ma fonti di maggioranza ipotizzano uno slittamento a lunedì 7 dicembre facendo così saltare il ponte di Sant'Ambrogio ai membri della commissione. La Finanziaria approderà in aula a Montecitorio da mercoledì 9 dicembre.

((Redazione Roma, RM: giuseppe.fonte.reuters.com@reuters.net - +390685224393 - rome.editorial@reuters.com))

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below