Monetario attende domani p/t contenuto, su o/n pesa fine mese

lunedì 30 novembre 2009 12:34
 

MILANO, 30 novembre (Reuters) - Qualche tensione stamane sul mercato interbancario per via della fine del mese che riduce la circolazione della liquidità, ma i tesorieri dicono che la situazione è sotto controllo e che domani i tassi torneranno sui livelli fisiologici.

Continua a rosicchiare qualche millesimo al rialzo il tasso euribor, con i tesorieri che vedono soprattutto l'influenza dell'avvicinarsi di fine anno piuttosto che un trend vero e proprio.

La settimana è vista tranquilla, ma i fari sono accesi su giovedì quando la Bce è attesa dare qualche primissima indicazione di exit-strategy, Dubai permettendo.

TENSIONE SU O/N PER FINE MESE, ATTESA P/T RIDOTTO

La seduta di oggi, fine del mese, mostra qualche tensione sul tasso overnight che quota sul Mid attorno a 0,35% e sulle piattaforme dei broker internazionali a 0,32/42%. L'Eonia è stato fissato venerdì a 0,342%. Ma già il tom/next che cade sul primo dicembre quota 0,28/0,33%.

Le attese sono per il p/t settimanale di domani, con in scadenza su mercoledì 59 miliardi. Le tesorerie si aspettano ancora una partecipazione leggera all'asta di domani, attorno ai 50 miliardi con un benchmark atteso attorno a -55/-65 mld.

Del resto il mercato inizia già a pensare alla chiusura del periodo rob (il lunedì 7 dicembre e non il martedì come di consueto per il cadere della festività), e alla necessità di decumulare numeri neri.

A questo scopo infatti i depositi overnight stanno aumentando. Quelli di venerdì sono ammontati a 68,5 mld contro i 56,2 del giorno precedente.   Continua...