November 25, 2009 / 4:36 PM / 8 years ago

Bond Safilo, sale speculazione, prezzo ben oltre quota 60

6 IN. DI LETTURA

di Gabriella Bruschi e Cristina Carlevaro

MILANO, 25 novembre (Reuters) - A due giorni dalla scadenza dell'offerta di Hal per il bond Safilo (SFLG.MI) si infiamma sul secondario dei corporate la speculazione intorno al titolo, come dimostrano le quotazioni in aumento e ben sopra la soglia fissata per l'offerta a 60. Secondo i trader, il panorama dei detentori di bond si sta frammentando sempre più con diversi investitori, in primo luogo hedge fund, intervenuti sul mercato dopo il lancio dell'offerta con acquisti per circa 2-3 milioni.

La corsa delle quotazioni del bond, in un mercato poco liquido, non si arresta, con quotazioni intorno a 70 e punte fino a 75, come attesta anche il mercato del pomeriggio. L'offerta sul bond promossa dall'azionista Hal Holding al prezzo di 60 è stata estesa fino al 27 novembre, dopo che il 18 novembre scorso, scadenza originaria, erano state raggiunte adesioni pari al 43% contro la soglia del 60% che garantirebbe il successo dell'offerta.

Un obbligazionista, che sceglie l'anonimato e che ha già venduto sul mercato diversi titoli, rileva che ad oggi "ci sono molti acquirenti potenziali e non, forse piccoli per 2-3 milioni di euro di investimento, ma pochi venditori. Nelle scorse settimane c'è stata una dispersione dei bond. Noi abbiamo pochi bond ora, decideremo proprio l'ultimo giorno", venerdì prossimo.

Lo stesso trader ricorda che "il gruppo di possessori che ha consegnato il 38% alla base dell'offerta di Hal aveva più del 50% e ha preferito non consegnare la quota oltre il 38 pensando di farla fruttare dopo il salvataggio di Safilo".

Il piano di ricapitalizzazione che dovrebbe portare Hal a diventare nuovo socio di riferimento di Safilo ha tra le condizioni per la sua realizzazione il successo dell'offerta sul bond da 195 milioni scadenza 2013.

BRACCIO DI FERRO TRA SOCIETA' E OBBIGAZIONISTI Sul mercato, anche dopo la proroga di Hal, è in corso un duro braccio di ferro tra obbligazionisti da una parte e la società veneta e Hal dall'altra. "Ogni bondholder spera che sia l'altro ad aderire al prezzo di 60, in modo da garantire la riuscita dell'offerta e quindi la realizzazione dell'operazione con Hal. A quel punto il bond si potrebbe rivalutare fino alla scadenza con rimborso pari a 100", ricorda ancora il bondholder.

La situazione, a detta di diversi analisti e trader, sarebbe sfuggita di mano alla società e ad Hal che avrebbero sottovalutato il ruolo degli obbligazionisti nel momento in cui è stata architettata tutta l'operazione per salvare Safilo dal tracollo finanziario.

"L'operazione andrà comunque a buon fine, altrimenti il prezzo del bond sarebbe già crollato sotto 60", sostiene un altro bondholder. Un altro segnale in questo senso arriverebbe anche dal regolare pagamento della cedola semestrale lo scorso 15 novembre. "Mi sembra un segnale abbastanza chiaro che le cose sono messe bene", aggiunge infatti un altro.

Sono in molti, comunque, a puntare ancora su un ritocco al rialzo del prezzo offerto, eventualità esclusa dall'AD Roberto Vedovotto, prima però del risultato insufficiente conseguito il 18 novembre dall'offerta Hal.

Trading Tra Bond E Azioni

Sul mercato circola un'altra ipotesi: c'è chi preferisce consegnare il bond ottenendo 60, può poi comprare azioni a sconto nel successivo aumento di capitale oppure già in questi giorni sul mercato, per poi rivenderle quando si saranno rivalutate. "Vale la pena di consegnare il titolo e acquistare azioni Safilo alle quotazioni di questi giorni. Il giorno 27 si avrà una perdita del potenziale valore dei bond del 40% ma avendo acquisito valore sulle azioni che potrebbero superare di gran lunga quella perdita del 40% sui bond" sostiene un bondholder.

Un altro concorda con l'ipotesi di rivalutazione delle azioni che oggi si attestano in area 0,50 euro al centro tra un minimo di 0,28 e un massimo di 0,81 toccati quest'anno.

Si Scommette Anche Su Un Intervento Di Della Valle

Qualcuno azzarda che Della Valle, azionista di Safilo al 2,06% secondo le comunicazioni ufficiali Consob e del 40% della concorrente Marcolin MCL.MI insieme al fratello, stia osservando la situazione in attesa di muoversi.

Quando era emerso a settembre scorso l'acquisto della quota in Safilo da parte di Della Valle, il mercato aveva speculato su uno scenario di integrazione tra Safilo e Marcolin sotto la regia dell'imprenditore marchigiano. E lo stesso Della Valle, intervistato da un quotidiano, aveva alimentato con le sue dichiarazioni queste ipotesi. Ieri Della Valle, avvicinato a un convegno, ha dichiarato ai giornalisti di non essere "affatto preoccupato" della situazione in cui versa Safilo.

Nell'immediato rimangono interrogativi che riguardano Hal e la sua offerta: il 27 la holding olandese potrà annunciare il sofferto superamento di quota 60 ? E se no, opterà per un rilancio, arrotonderà sul mercato la quota raggiunta, si accontenterà delle adesioni pervenute o rinuncerà all'offerta ?

((Redazione Milano, Reuters Messaging: cristina.carlevaro.reuters.com@reuters.net, +39 0266129585, milan.newsroom@news.reuters.com))

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

Top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below