BORSE ASIA-PACIFICO - Rimbalzano eccetto Taiwan, Seul, forte HK

venerdì 30 ottobre 2009 08:32
 

 ---------------------------------------------------------------
INDICE                      ORE 8,25     VAR%      CHIUSURA 2008
MS A-P exJ .MIAPJ0000PUS   394,64      +1,45           247,35
HONG KONG .HSI           21.831,61     +2,66       14.387,48
SINGAPORE .FTSTI          2.662,13     +1,13         1.761,56
TAIWAN .TWII              7.340,08     -0,21         4.591,22
SEOUL .KS11               1.580,69     -0,33         1.124,47
SHANGHAI COMP .SSEC       2.995,848    +1,2          1.820,80
SYDNEY .AXJO              4.643,200    +1,5          3.722,30
INDIA .BSESN              16.118,81    +0,41         9.647,31
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 30 ottobre (Reuters) - Le borse dell'Asia-Pacifico
rimbalzano stamani, dopo aver accusato ieri il peggiore ribasso
degli ultimi due mesi: gli investitori sono stati rincuorati dal
ritorno alla crescita degli Stati Uniti, che ha fornito
rassicurazioni sul vigore della ripresa economica in atto.
 L'indice regionale MSCI dell'Asia-Pacifico che esclude il
Giappone .MIAPJ0000PUS avanza dell'1,4% dopo aver lasciato sul
terreno ieri il 2,4%. Il Nikkei .N225 ha terminato con
guadagni dell'1,45%, mentre i titoli di stato nipponici hanno
viaggiato poco variati. 
 In grande spolvero la borsa di HONG KONG .HSI con
Industrial and Commercial Bank of China (ICBC) che balza del
4,3% dopo un incremento dell'utile trimestrale del 19%. TAIWAN
.TWII e SEUL .KOSPI restano indietro.
 Grande successo per il nuovo mercato cinese delle start-up
ChiNext <0#CHINEXT.SZ> che ha visto tutti i suoi 28 titoli
raddoppiare di valore nel giorno del debutto, una fiammata
speculativa che lascia presagire una robusta domanda per future
Ipo.
 Le quotazioni del greggio tirano il fiato dopo l'allungo del
3% di ieri e il derivato CLc1 scambia poco variato sotto 80
dollari al barile. Sul fronte valutario, seduta attendista per
dollaro .DXY reduce dallo scivolone di ieri.