BORSE ASIA-PACIFICO - Tutte in rosso su scia Usa, Tokyo

giovedì 29 ottobre 2009 08:41
 

 ---------------------------------------------------------------
INDICE                      ORE 8,20     VAR%      CHIUSURA 2008
MS A-P exJ .MIAPJ0000PUS   386,13      -2,36           247,35
HONG KONG .HSI           21.191,16     -2,65       14.387,48
SINGAPORE .FTSTI          2.624,09     -0,94         1.761,56
TAIWAN .TWII              7.355,69     -2,37         4.591,22
SEOUL .KS11               1.585,85     -1,48         1.124,47
SHANGHAI COMP .SSEC       2.960,46     -2,34         1.820,80
SYDNEY .AXJO              4.574,70     -2,36         3.722,30
INDIA .BSESN              16.080,14    -1,26         9.647,31
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 29 ottobre (Reuters) - Sfilza di segni meno sulle
piazze del sud est asiatico, senza alcuna eccezione. 
 Tra le più pesanti Hong Kong, Sydney e Taipei, leggermente
meglio Seul e Singapore.
 "Tutti si aspettavano una correzione, ma volumi e frenesia
degli acquisti hanno colto di sorpresa", dice un analista della
IG Markets australiana. 
 "Hedge fund e speculatori di breve approfittano di questo
momento per prendere profitto", dice un altro.
 Alle 8,20 l'indice regionale MSCI che esclude il Giappone
.MIAPJ0000PUS accusa un ribasso del 2,3%. 
 Tokyo ha terminato di nuovo in calo, con il Nikkei sotto la
soglia psicologica dei 10.000 punti e al minimo di chiusura da
tre settimane.
 Sul piano macro il futures sul greggio CLc1 scivola
leggermente, -0,2% a quota 77,28, dopo aver perso oltre 2
dollari ieri. Tonico il biglietto verde che consolida contro
euro mentre lo yen recupera, anche grazie al clima di minor
propensione al rischio.
 Ad HONG KONG pesano soprattutto i bancari, mentre a TAIWAN
l'indice mette a segno il peggior calo giornaliero di oltre tre
mesi spinto al ribasso dagli immobiliari.
 A SEUL le vendite degli investitori stranieri si concentrano
su produttori d'acciaio e costruttori di navi mentre a SYDNEY
sono venduti banche e titoli legati alle commodities.
 A SHANGHAI i finanziari sono sotto pressione per i "timori
che la politica monetaria relativamente accomodante del governo
possa finire presto", spiega un trader.