BORSE ASIA-PACIFICO - Indici volano, ottimismo per dati Pil Usa

venerdì 29 agosto 2008 08:58
 

----------------------------------------------------------------
INDICE                     ORE 8,55       VAR%    CHIUSURA 2007
MS A-P exJ .MIAPJ0000PUS   389,92     +1,01%           420,30
HONG KONG .HSI           21362,92     +1,86%        22.554,36
SINGAPORE .FTSTI          2733,70     +1,59%         3.129,43
TAIWAN .TWII              7046,11     +0,18%         8.778,39
SEUL .KS11               1.474,24     +0,01%         1.825,23
SHANGHAI COMP .SSEC      2393,875     +1,86%        3.375,407
SYDNEY .AXJO             5.135,60     +1,36%          5.714,4
BOMBAY .BSESN           14.519,97     +3,36%        16.275,59
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 29 agosto (Reuters) - Volano le piazze asiatiche
sulla scia della ripresa dei titoli finanziari a Wall Street e
sulla notizia dell'inaspettata crescita del Pil Usa nel secondo
trimestre. Oltre che dai listini statunitensi, il vento positivo
è soffiato anche da Tokyo, dove il Nikkei .N225 ha chiuso la
seduta in forte rialzo, a +2,39%, il massimo di tre settimane.
 Volano Bombay, Shanghai e Hong Kong, salgono Singapore e
Sydney, mentre resistono in territorio positivo, sebbene con
progressi più limitati, anche Taiwan e Seul.
 Il rinnovato ottimismo resiste anche all'incessante rialzo
del prezzo del greggio che, intorno alle 8,55, scambia sulla
piazza americana CLc1 a 116,88 dollari al barile e su quella
inglese LCOc1 sopra i 115 dollari al barile.
  Alle 8,55 circa il cambio dollaro/yen JPY= è a quota
109,08/10 da 109,42 yen dell'ultima chiusura Usa, mentre
l'euro/dollaro sale a 1,4741/44 dollari da 1,4703 dollari.
 Alla stessa ora l'indice MSCI dell'area Asia-Pacifico, che
esclude il Giappone .MIAPJ0000PUS, sale dell'1,02%, a 389,94.
 BOMBAY .BSESN sale di oltre il 3%, nonostante i dati sulla
crescita economica si siano rivelati inferiori alle attese,
attestandosi sul 7,9% a giugno. La fiducia nel mercato azionario
si è tuttavia riaccesa, con gli investitori resi più ottimisti
dal rallentamento dell'inflazione e dai guadagni dei mercati
asiatici. A trarne vantaggio sono specialmente le banche con il
primo istituto del paese, Bank of India (SBI.BO: Quotazione), in rialzo di
oltre il 5,5%.
 SHANGHAI .SSEC sale di oltre il 2%, trascinata dai titoli
finanziari e immobiliari, incoraggiati dalla speranza che le
autorità di sorveglianza del mercato mettano mano nel corso del
weekend a possibili manovre per sostenere il mercato azionario.
 HONG KONG .HSI registra un forte rimbalzo dopo il crollo
del prezzo dei titoli nella seduta di ieri. I dati positivi sul
Pil americano rincuorano gli investitori spingendoli a investire
in azioni. Meno rassicuranti gli analisti, che sottolineano la
fragilità della borsa locale, troppo dipendente dall'economia
statunitense. In controtendenza rispetto all'andamento generale
risulta Clp Holdings (0002.HK: Quotazione), in calo di quasi il 4% dopo
l'accordo tra Hong Kong e Cina sul rifornimento di gas naturale,
una minaccia per il progetto di un terminal di gas naturale
liquido che la maggiore società di utility del paese era
intenzionata a costruire.
 SEUL .KS11 è piatta, con i finanziari e i minerari in
recupero dopo le perdite dei giorni scorsi, ma ancora deboli.