BORSE ASIA-PACIFICO - Indici misti, in calo Shangai

venerdì 28 agosto 2009 09:20
 

 ---------------------------------------------------------------
INDICE                      ORE 9,00     VAR%      CHIUSURA 2008
MS A-P exJ .MIAPJ0000PUS    363,65     +0,80           247,35
HONG KONG .HSI           20.148,05     -0,48       14.387,48
SINGAPORE .FTSTI          2.639,38     -0,11         1.761,56
TAIWAN .TWII              6.809,89     +1,78         4.591,22
SEOUL .KS11               1.607,94     +0,54          1.124,47
SHANGHAI COMP .SSEC       2.875,18     -2,41         1.820,80
SYDNEY .AXJO              4.489,6      +0,87         3.722,30
INDIA .BSESN             15.816,91     -0,23        9.647,31
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 28 agosto (Reuters) - Le borse asiatiche sono miste
negli scambi della giornata. A sostegno dei rialzi i titoli tech
e legati all'export. Cresce leggermente la fiducia in una
ripresa sostenibile grazie a dati di ieri relativi a Pil e
sussidi di disoccupazione Usa migliori delle attese.
 In netto calo le piazze cinesi, caratterizzate nell'ultimo
periodo da forte volatilità soprattutto al ribasso, con Shanghai
che cede oltre il 2% sui timori per il calo dei prestiti
bancari.
 I titoli legati al settore tech e gli esportatori come
Shin-Etsu Chemical in Giappone, Semiconductor di Taiwan e
Samsung Electronics della Cora del Sud che hanno dato un forte
impulso agli indici dei vari paesi.     
 Intorno alle 8,50 l'indice MSCI .MIAPJOOOOPUS, che esclude
il Giappone guadagna lo 0,8%  a 363,65 punti. A Tokyo l'indice
Nikkei .N225 ha concluso in calo progresso dello 0,53%  a
10.543,14 punti.
 SHANGHAI cede oltre il 2,4% colpita dall'offerta di nuovi
titoli, tra 1,6 miliardi di nuove emissioni della società
immobiliare China Vanke (000002.SZ: Quotazione). Minsheng Bank (600016.SS: Quotazione),
il primo istituto di credito privato cinese, è scesa di oltre il
5% su timori per una possibile contrazione dei prestiti bancari.
In calo anche i titoli energetici come Sinopec (600028.SS: Quotazione) e
PetroChina (601857.SS: Quotazione) che cedono rispettivamente il 3,4 e il
2,2%.
 HONG KONG cede lo 0,5%, con China Life (2628.HK: Quotazione) in calo del
2,1% sulla scia dei ribassi di Shanghai, mentre gli investitori
continuano a temere per una possibile riduzione della liquidità
che ha portato ad un apprezzamento del mercato. BOC Hong Kong
(2388.HK: Quotazione) è salita del 6,1% dopo aver annunciato un calo del
5,65 negli utili di periodo. China Telecom Corp (0728.HK: Quotazione) è
salita del 3,9% dopo risultati deludenti.
 TAIWAN ha concluso in rialzo dell'1,78%, dopo tre giornate
consecutive di ribassi. A sostenere i listini la numero 3
mondiale dell'informatica Acer (2353.TW: Quotazione), che ha concluso in
rialzo del 3,53% grazie a utili in linea con le stime di mercato
nel primo semestre.
 SEOUL conclude in rialzo dell'1,9% una seduta caratterizzata
da guadagni per il settore auto con Hunday Mobis (012330.KS: Quotazione) che
conclude in ralzo di oltre l'8%, mentre il calo di POSCO
(005490.KS: Quotazione) pesa sull'indice principale.
 Bene anche SYDNEY che guadagna lo 0,87%, alimentata da forti
guadagni della retail Harvey Norman (HVN.AX: Quotazione) e di titoli
petroliferi come Woodside Petroleum (WPL.AX: Quotazione).