BORSE ASIA-PACIFICO - Poco mosse, migliore settimana in 4 mesi

venerdì 27 marzo 2009 08:51
 

----------------------------------------------------------------
INDICE                      ORE 8,25     VAR%     CHIUSURA 2008
MS A-P exJ .MIAPJ0000PUS    254,78     -0,13           247,35
HONG KONG .HSI           14.099,83     -0,06        14.387,48
SINGAPORE .FTSTI          1.740,58     -1,04         1.761,56
TAIWAN .TWII              5.390,70     +0,08         4.591,22
SEOUL .KS11               1.237,51     -0,51         1.124,47
SHANGHAI COMP .SSEC       2.374,438    +0,54         1.820,80
SYDNEY .AXJO              3.672,3      +0,70         3.722,30
INDIA .BSESN             10.027,96     +0,25         9.647,31
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 27 marzo (Reuters) - Borse asiatiche poco mosse
verso fine seduta, prossime a chiudere la migliore settimana da
quattro mesi grazie al rafforzarsi delle speranze che l'economia
globale abbia ormai visto il peggio.
 Intorno alle 8,30 l'indice Msci .MIAPJ0000PUS, che non
comprende il Nikkei .N225 giapponese (-0,11%), segna un
ribasso dello 0,05%, mentre l'intero mese di marzo si prepara ad
archiviare un guadagno di circa il 20%, il secondo miglior
risultato mensile nella sua storia ultraventennale (il mese
migliore è stato dicembre 1993). La settimana si avvia a
chiudere con un progresso di circa il 9%.
"L'Asia ha molto da guadagnare da un miglioramento
dell'economia Usa. Ora, che gli Stati Uniti stiano davvero
meglio è un'altra questione", dice Tim Rocks di Macquarie
Securities a Hong Kong. 
 Il greggio, intanto, si è preso una pausa e tratta sotto i
54 dollari il barile CLc1 dopo che il rialzo dei mercati
azionari e un outlook positivo sulla domanda in Cina hanno
spinto i titoli delle materie prime, in particolare i metalli
per l'industria.
 Ne ha beneficiato la borsa australiana, con l'indice di
SYDNEY in rialzo dello 0,7% trainato dal +4% circa di Rio Tinto
(RIO.AX: Quotazione). 
 Segno positivo anche per SHANGHAI spinta dai titoli
siderurgici.
 Calo deciso per SINGAPORE, più contenuto per SEUL
appesantita dai titoli finanziari.