BORSE ASIA-PACIFICO - Indici misti, Sydney cresce su commodity

mercoledì 23 settembre 2009 08:54
 

 ---------------------------------------------------------------
INDICE                      ORE 8,45     VAR%      CHIUSURA 2008
MS A-P exJ .MIAPJ0000PUS    394,54     +0,31           247,35
HONG KONG .HSI           21.554,06     -0,65        14.387,48
SINGAPORE .FTSTI          2.664,31     -0,14         1.761,56
TAIWAN .TWII              7.376,76     -1,24         4.591,22
SEOUL .KS11               1.711,47     -0,43         1.124,47
SHANGHAI COMP .SSEC       2.848,713    -1,69         1.820,80
SYDNEY .AXJO             4.734,100     +1,51         3.722,30
INDIA .BSESN             16.835,54     -0,28         9.647,31
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 23 settembre (Reuters) - Le borse asiatiche sono
miste, con Sydney che è il listino che cresce maggiormente nella
regione sulla scia dei rialzi delle commodity. 
 Anche il dollaro, al minimo da 13 mesi contro il basket
delle principali valute, ha favorito i titoli crrelati al
biglietto verde come quelli relativi alle materie prime,
favorendo il mercato australiano.
 Le borse cinesi, caratterizzate di recente da forte
volatilità soprattutto al ribasso, sono invece in calo
appesantite da timori per la ripresa, nonostante il presidente
Hu Jintao abbia dato rassicurazioni sul fatto che intende
lasciare invariati i tassi di interesse.
 Il paniere delle borse asiatiche .MIAPJ0000PUS che esclude
il Giappone, intorno alle 8,45 ora italiana avanza dello 0,31% a
394,54 punti. I volumi scambiati restano ancora limitati per via
della chiusura della borsa di Tokyo.
 HONG KONG cede lo 0,43% con Sinopharm (1099.HK: Quotazione) che dopo il
rally iniziale che ha seguito la quotazione in borsa ha perso
spinta. In calo anche i bancari cone HSBC (0005.HK: Quotazione), ICBC
(1398.HK: Quotazione), Bank of China (3988.HK: Quotazione).
 SHANGHAI scivola dell'1,43% negli scambi di oggi. Giù
soprattutto i titoli legati all'acciaio su timori di un
rallentameto della domanda. In calo di oltre il 6% Tnagshan Iron
and Steel 000709.SZ su voci che la sua controllante Hebei Iron
and Steel Group, quarto gruppo al mondo nel settore, ha tagliato
i prezzi perchè un eccesso di offerta pesa sul mercato.
 Perde terreno SEOUL, a guidare i ribassi Hynix (000660.KS: Quotazione) e
Hyosung (004800.KS: Quotazione). Sale Hyundai Motor (005380.KS: Quotazione) e il settore
auto, favorito da buone prospettive sulle vendite in Europa.
 TAIWAN chiude la seduta in calo dell'1,24% appesantita dai
titoli finanziari, con gli investitori cauti in attesa della
riunione della banca centrale.
 Conclude in rialzo dell'1,5% SYDNEY, mentre i prezzi  delle
materie prime, come rame e greggio, fanno migliorare i minerari
come BHP Billinton (BHP.AX: Quotazione). Anche banche e retail avanzano
sull'ottimismo per la ripresa.