BORSE ASIA-PACIFICO-Ripiegano con bancari,tiene Seul,sale Taiwan

martedì 21 aprile 2009 08:22
 

 ---------------------------------------------------------------
INDICE                      ORE 8,20     VAR%     CHIUSURA 2008
MS A-P exJ .MIAPJ0000PUS    268,00     -2,01           247,35
HONG KONG .HSI           15.165,47     -3,72        14.387,48
SINGAPORE .FTSTI          1.834,71     -2,14         1.761,56
TAIWAN .TWII              5.881,41     +1,73         4.591,22
SEOUL .KS11               1.336,81     +0,03         1.124,47
SHANGHAI COMP .SSEC       2.514,061    -1,7          1.820,80
SYDNEY .AXJO              3.677,4      -2,43         3.722,30
INDIA .BSESN             10.908,50     -0,65          9.647,31
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 21 aprile (Reuters) - Le borse dell'Asia-Pacifico
ripiegano stamani, complice il riacuirsi dei timori per la
salute del sistema bancario: Bank of America ha annunciato
infatti ieri un incremento delle sofferenze del 41%, aumentando
a 13,38 miliardi da 8,54 miliardi le riserve per perdite su
crediti. Un duro colpo alla propensione al rischio in un momento
in cui gli investitori sono preoccupati per i risultati degli
stress test sui maggiori istituti americani. 
 I finanziari, protagonisti del rally delle borse globali
iniziato a marzo, sono adesso i titoli nel mirino delle vendite
deprimendo l'indice MSCI delle borse dell'Asia-Pacifico di circa
il 2% dopo i massimi di sei mesi toccati ieri.
 Il Nikkei .N225 ha archiviato la seduta in ribasso del
2,4% e il derivato sul 10 anni giapponese con scadenza giugno ha
esteso i guadagni a 0,5 punti dopo i risultati di un'asta di
titoli a 20 anni, risalendo dai minimi di cinque mesi e mezzo
del 9 aprile.
 La piazza peggiore è HONG KONG .HSI dove, oltre a HSBC
(0005.HK: Quotazione), pesa China Mobile (0941.HK: Quotazione): il leader mondiale del
wireless ha detto che la crescita degli abbonati mostra segnali
di rallentamento a causa della frenata dell'economia cinese.
 Le quotazioni del greggio CLc1, poco mosse sulla piazza
asiatica appena sotto 46 dollari al barile ma reduci da un calo
di quasi il 9% ieri, pesano su Singapore Petroleum SPCS.SI e
su altri titoli del settore come Keppel (KPLM.SI: Quotazione) e Sembcorp
Matine (SCMN.SI: Quotazione) a SINGAPORE .STI, affiancandosi alle perdite
dei bancari. Oltre ai finanziari, perdono terreno in Australia i
grandi gruppi dell'industria estrattiva e l'indice cede il 2,4%.
 In controtendenza TAIWAN .TWII, sostenuta dai titoli
dell'immobiliare e del turismo sulle attese che i due settori
beneficino di rapporti più stretti con la Cina. Tiene anche SEUL
.KS11, che termina piatta grazie ai guadagni di LG Elec
(066570.KS: Quotazione) dopo la diffusione dei risultati.