BORSE ASIA-PACIFICO - Indici positivi, record ultimi 10 mesi

martedì 21 luglio 2009 08:43
 

 ---------------------------------------------------------------
INDICE                      ORE 8,30     VAR%    CHIUSURA 2008
MS A-P exJ .MIAPJ0000PUS    344,02     +0,33           247,35
HONG KONG .HSI           19.503,57     +0,01        14.387,48
SINGAPORE .FTSTI          2.464,83     +0,35         1.761,56
TAIWAN .TWII              6.953,34     +0,21         4.591,22
SEOUL .KS11               1.488,99     +0,71         1.124,47
SHANGHAI COMP .SSEC       3.228,96     -1,18         1.820,80
SYDNEY .AXJO              4.050,7      +0,01         3.722,30
INDIA .BSESN             15.078,10     +0,75         9.647,31
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 21 luglio (Reuters) - Le piazze del sud est asiatico
segnano un altro passo avanti, toccando il record positivo degli
ultimi 10 mesi, sostenute dalle buone notizie sulle trimestrali
Usa e dalle prospettive di una possibile ripresa economica.
 I guadagni sono frenati in diversi casi dalla tendenza di
alcuni operatori a realizzare i profitti sui titoli e sulle
valute a più alto rendimento. Ne è un esempio il dollaro
australiano, che ha perso qualcosa rispetto alle ultime
quotazioni.
 Alle 8,30 l'indice MSCI che esclude il Giappone
.MIAPJOOOOPUS guadagna lo 0,33%, mentre in precedenza la Borsa
di Tokyo aveva chiuso a +2,73%.
 
 Come nella giornata precedente, tra i mercati più brillanti
si segnala SEUL. L'indice sudcoreano .KS11 sale dello 0,7%
spinto dai buoni risultati delle blue chip, avvicinandosi alla
soglia psicologica dei 1.500 punti. Piatta Hong Kong, dove
l'Hang Seng .HSI prima guadagna sensibilmente, poi viene
penalizzato dalla monetizzazione dei rialzi.
 In negativo BOMBAY, dove il -1% è il risultato della
realizzazione dei profitti sul +13,4% delle ultime 5 sedute, e
SHANGHAI, ancorato al -1% sulla scia della preoccupazione che,
dopo una crescita del 75% nel corso dell'anno, si avvicini il
momento di una fase correttiva.
 Non sembra che la prima giornata di Ben Bernanke di fronte
al Congresso americano abbia turbato gli animi. "Non ci è
sembrato troppo ansioso di smantellare gli stimoli dal sistema
economico", ha detto Sue Trinh, senior currency strategist di
Rbc Capital Markets a Sydney.
 "Le notizie del salvataggio di Cit e i dati positivi
sull'economia americana hanno aiutato i mercati a partire
forte", ha aggiunto Lee Sun-Yeop, market analyst di Goodmorning
Shinhan Securities a Seul. "Insieme alle buone trimestrali e a
un trend generalmente positivo, vediamo i titoli arrivare ai
massimi annuali".