BORSE ASIA-PACIFICO - Indici ai massimi post-fallimento Lehman

lunedì 20 luglio 2009 08:44
 

 ---------------------------------------------------------------
INDICE                      ORE 8,40     VAR%    CHIUSURA 2008
MS A-P exJ .MIAPJ0000PUS    341,37     +2,45           247,35
HONG KONG .HSI           19.383,22     +3,08        14.387,48
SINGAPORE .FTSTI          2.453,55     +0,93          1.761,56
TAIWAN .TWII              6.938,86     +1,28         4.591,22
SEOUL .KS11               1.478,51     +2,67         1.124,47
SHANGHAI COMP .SSEC       3.255,97     +2,07         1.820,80
SYDNEY .AXJO              4.050,3      +1,24         3.722,30
INDIA .BSESN             15.068,95     +2,20         9.647,31
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 20 luglio (Reuters) - Le piazze del sud est asiatico
volano ai livelli più alti fatti segnare dal periodo nero
seguito al fallimento di Lehman Brothers, spinte dai forti
guadagni societari che incoraggiano gli investitori a muoversi
verso titoli e materie prime con un maggiore grado di rischio e
rendimento atteso.
 Al clima positivo contribuiscono i futures sul mercato
azionario americano e un valore del greggio in crescita a 64
dollari, a sottolineare uno slancio della ripresa dopo i
tentennamenti di giugno.
 A ciò si aggiunge la decisione dell'ultimo minuto di salvare
l'americana CIT Group (CIT.N: Quotazione) da parte di un gruppo di
obbligazionisti, grazie a un prestito di emergenza da 3 miliardi
di dollari.
 Alle 8,40 l'indice MSCI che esclude il Giappone
.MIAPJOOOOPUS guadagna il 2,45%, mentre la Borsa di Tokyo
resta chiusa per festa nazionale.
 In testa ai guadagni sono HONG KONG e SEUL, con quest'ultimo
che segna il record da quasi 10 mesi a questa parte.
 L'indice Hang Seng .HSI supera il 3%, sospinto dal ritorno
sui mercati di diversi investitori istituzionali e dalla buona
performance dei titoli bancari.
 L'indice sudcoreano .KS11 sale del +2,7%, toccando il
valore più alto da fine settembre 2008, sulla scia delle attese
di maggiori profitti societari e delle buone performance dei
tecnologici, con Samsung Eletronics (005930.KS: Quotazione) che cresce del
2,99%.
 SHANGHAI è in consistente rialzo a dispetto della debolezza
dei titoli bancari e immobiliari e degli avvertimenti
dell'authority bancaria cinese sui rischi di un eccesso di
liquidità che potrebbero alimentare una crescita non salutare
del mercato immobiliare.
 Sulla piazza di BOMBAY, che guadagna oltre il +2%, si
segnala il rally del gigante energetico Reliance Industries
(RELI.BO: Quotazione) con guadagni superiori al 3% e di Tata Consultancy
Services (TCS.BO: Quotazione), balzato in avanti dell'11,9%.
 "Ci aspettiamo che nel riferire al Congresso di Washington
domani e dopo, il governatore Usa Ben Bernanke dia riscontro
alla fiducia dei mercati sul fatto che la exit strategy della
Fed sarà gestita in modo da minimizzare l'impatto sulla
stabilità dei prezzi e sul dollaro", ha detto Dariusz Kowalczyk,
chief investment strategist di SJS Markets a Hong Kong.
 "Ci si attende un consolidamento dei rialzi della scorsa
settimana", ha aggiunto l'analista.