BORSE ASIA-PACIFICO - Indici in rosso, tornano timori su banche

martedì 18 novembre 2008 08:39
 

----------------------------------------------------------------
INDICE                     ORE 8,15      VAR%     CHIUSURA 2007
MS A-P exJ .MIAPJ0000PUS   214,49     -5,09%           420,30
HONG KONG .HSI          12.681,50     -6,27%        22.554,36
SINGAPORE .FTSTI         1.692,57     -3,26%         3.129,43
TAIWAN .TWII             4.305,18     -3,03%         8.778,39
SEUL .KS11               1.036,16     -3,91%         1.825,23
SHANGHAI COMP .SSEC      1.902,430    -6,31%         3.375,40
SYDNEY .AXJO              3.523,2     -3,55%          5.714,4
BOMBAY .BSESN            8.901,75     -4,19%         16.275,59
----------------------------------------------------------------
 HONG KONG, 18 novembre (Reuters) - Ancora una seduta
all'insegna della lettera per le borse dell'Asia-Pacifico, in un
contesto in cui il taglio di 52.000 posti di lavoro annunciato
da Citigroup e i commenti pessimistici delle autorità politiche
riflettono un peggioramento delle condizioni economiche che
difficilmente miglioreranno fino a 2009 avanzato.
 Intorno alle 8,15 l'indice regionale MSCI .MIAPJ0000PUS
cede il 5% circa, portando le perdite da inizio anno vicino al
60%. Tokyo ha chiuso con il NIkkei in calo di oltre il 2%.
 HONG KONG .HSI lascia sul terreno più del 6% ricalcando le
orme di SHANGHAI .SSEC. Un'ondata di vendite si è riversata su
China Construction Bank (0939.HK: Quotazione), arrivata a perdere oltre il
10%, dopo che Bank of America ha detto di star esercitando
l'opzione per aumentare la sua quota nell'istituto cinese ma a
sconto sul prezzo attuale. A Hong Kong accusano ribassi a due
cifre i titoli legati alle commodity mentre nel continente soffre
soprattutto il settore immobiliare.
 TAIWAN .TWII chiude in ribasso del 3,03% sui minimi di
oltre cinque anni, penalizzata dai tecnologici dopo che la big
TSMC (2330.TW: Quotazione) ha annunciato che congelerà le assunzioni. 
 I timori di un peggioramento delle condizioni per l'export
dopo la notizia di massicci licenziamenti negli Usa affossano
Hynix (000660.KS: Quotazione) e LG Elec (066570.KS: Quotazione) alla borsa di SEOUL
.KS11.
 In AUSTRALIA si muove in controtendenza Macquarie Group
(MQG.AX: Quotazione), la maggiore banca di investimenti del paese, che balza
del 16,5% sul sollievo per il mancato annuncio di iniziative di
ricapitalizzazione, nonostante l'istituto si avvii verso la
prima flessione annuale dei profitti dal 1992.