BORSE ASIA-PACIFICO - Indici in calo su scia WS, sale Shanghai

mercoledì 17 giugno 2009 08:41
 

 ---------------------------------------------------------------
INDICE                      ORE 8,35     VAR%    CHIUSURA 2008
MS A-P exJ .MIAPJ0000PUS    317,60     -1,11           247,35
HONG KONG .HSI           18.070,41     -0,45        14.387,48
SINGAPORE .FTSTI          2.282,17     -0,26         1.761,56
TAIWAN .TWII              6.195,91     -0,40         4.591,22
SEOUL .KS11               1.391,17     -0,57         1.124,47
SHANGHAI COMP .SSEC       2.809,118    +1,20         1.820,80
SYDNEY .AXJO              3.904,10     -1,47         3.722,30
INDIA .BSESN             14.894,12     -0,41          9.647,31
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 17 giugno (Reuters) - E' una giornata
prevalentemente negativa per le borse asiatiche, appesantite dal
calo dei minerari e dai dubbi che gravano sulle prospettive di
una ripresa economica.
 Soltanto SHANGHAI .SSEC si discosta dalla tendenza
generale, mettendo a segno un rialzo di oltre l'1%.
 Mentre il petrolio viaggia sui 70,8 dollari al barile in
vista dei dati del pomeriggio sulle scorte americane, continuano
a serpeggiare incertezze sullo stato di salute reale
dell'economia statunitense. Ieri i principali indici di Wall
Street hanno chiuso in calo di circa l'1%.
 L'indice MSCI .MIAPJ0000PUS dell'azionario dell'area
Asia-Pacifico, escluso il Giappone, scende intorno alle 8,35
dell'1,11% mentre Tokyo .N225 ha chiuso in rialzo dello 0,9%
nonostante le perdite dei titoli minerari.
 Tra i singoli mercati, la borsa più pesante è SYDNEY .AXJO
- dove il minerario Bhp Billiton (BHP.AX: Quotazione) cede oltre il 2% -
seguita a ruota da HONG KONG .HSI, sulla strada del terzo
giorno consecutivo in calo. Il maggiore produttore energetico
asiatico PetroChina (0857.HK: Quotazione) cede il 2,4%, mentre il produttore
di petrolio offshore Cnooc (0883.HK: Quotazione) cede il 2,8%.
 A TAIWAN .TWII il listino scende ai minimi di chiusura di
un mese e mezzo, con i titoli tech che tracciano le perdite di
Wall Street, compensati solo in parte dal rialzo dei finanziari.
 Andamento contrastante anche a SEUL .KS11 dove, nonostante
il calo delle banche come KB Financial group (105560.KS: Quotazione), a
-3,6%, piovono gli acquisti sulle blue chip, in cui rientra
anche Samsung (005930.KS: Quotazione) a +1,77%.
 A SHANGHAI .SSEC la borsa è in rialzo ma i finanziari si
mantengono deboli. Shenzhen Development Bank 000001.SZ perde
il 3% dopo essere salita nei giorni scorsi sulla notizia del
piano di Ping An Insurance (601318.SS: Quotazione) di aumentare al 30% la
sua quota nella banca.
 Minerari sotto il fuoco delle vendite anche sul listino
INDIANO .BSESN. Il colosso petrolifero statale Oil & Natural
Gas (ONGC.BO: Quotazione) cede il 2%, mentre viaggia in controtendenza
l'energetico Reliance Industries (RELI.BO: Quotazione), uno dei titoli
chiave dell'indice, in rialzo dello 0,6% circa.