BORSE ASIA-PACIFICO -A massimi 2009,Shanghai colpita da realizzi

mercoledì 16 settembre 2009 08:38
 

 ---------------------------------------------------------------
INDICE                      ORE 8,30     VAR%      CHIUSURA 2008
MS A-P exJ .MIAPJ0000PUS    387,64     +2,12          247,35
HONG KONG .HSI           21.205,25     +1,62        14.387,48
SINGAPORE .FTSTI          2.671,58     +1,26         1.761,56
TAIWAN .TWII              7.440,24     +1,28         4.591,22
SEOUL .KS11               1.683,33     +1,81         1.124,47
SHANGHAI COMP .SSEC       3.010,391    -0,77         1.820,80
SYDNEY .AXJO              4.650,4      +2,42         3.722,30
INDIA .BSESN             16.571,43     +0,71         9.647,31
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 16 settembre (Reuters) - Le borse asiatiche hanno
toccato i massimi dell'anno oggi: le incoraggianti notizie
macro, giunte dagli Stati Uniti, hanno dato slancio agli asset
più rischiosi sintonizzati alle aspettative di ripresa
economica, mentre l'indice del dollaro è scivolato ai minimi del
2009.
 L'indice regionale MSCI .MIAPJ0000PUS, che esclude il
Giappone, avanza di oltre due punti percentuali intorno alle
8,30 ora italiana. Contrastata la borsa giapponese con il Nikkei
.N225 che ha terminato in rialzo dello 0,52% e il Topix
.TOPX cedente. Parallelamente, il derivato sul decennale
nipponico ha ripiegato di 0,17 punti a 138,80.  
 Unico segno negativo della regione è la borsa cinese,
vittima delle prese di beneficio, mentre l'ottimismo sulle
prospettive di rilancio dell'economia globale mette il vento in
poppa ai bancari a HONG KONG .HSI e a SYDNEY .AXJO, che
chiude ai livelli più alti dall'ottobre 2008. Termina ai massimi
degli ultimi quindici mesi SEUL .KOSPI dove, oltre a
finanziari come Shinhan Fiancial (055550.KS: Quotazione), allungano anche
esportatori come Samsung Elec (005930.KS: Quotazione). Tecnologici in
evidenza anche a TAIWAN .TWII, che termina su nuovi massimi di
14 mesi.
 Sul fronte delle materie prime, l'oro è tornato sopra i
1.000 dollari l'oncia, massimi da marzo 2008; il greggio Usa
CLc1 viaggia poco variato ad un soffio dai 71 dollari al
barile.