BORSE ASIA-PACIFICO - Indici attenuano guadagni su dati Pil Cina

giovedì 16 aprile 2009 08:45
 

----------------------------------------------------------------
INDICE                      ORE 8,35     VAR%     CHIUSURA 2008
MS A-P exJ .MIAPJ0000PUS    276,72     +0,76           247,35
HONG KONG .HSI           15.674,50     +0,02        14.387,48
SINGAPORE .FTSTI          1.905,91     +0,00         1.761,56
TAIWAN .TWII              5.997,17     +2,08         4.591,22
SEOUL .KS11               1.349,21     +1,21         1.124,47
SHANGHAI COMP .SSEC       2.533,103    -0,12         1.820,80
SYDNEY .AXJO              3.766,20     +0,50         3.722,30
INDIA .BSESN             11.228,75     -0,50          9.647,31
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 16 aprile (Reuters) - Le borse asiatiche viaggiano
in positivo, pur ritracciando dai massimi di sei mesi toccati
nel corso della seduta dopo i dati sul rallentamento della
crescita cinese.
 TAIWAN .TWII guida il rialzo, seguita a distanza da SEUL
.KS11, mentre gli altri listini sono deboli, con SHANGHAI
.SSEC volatile e la borsa indiana .BSESN in lieve calo.
 La Cina ha catalizzato l'attenzione degli investitori
asiatici, con i dati ufficiali sul Pil che hanno evidenziato un
rallentamento record al 6,1% nel primo trimestre, sebbene il
miglioramento a marzo rispetto agli altri due mesi apra uno
spiraglio di ripresa.
 Non si attenua però del tutto l'ottimismo, mentre resta viva
la speculazione su nuove misure da parte del governo cinese a
sostegno della crescita.
 Intorno alle 8,35 l'indice MSCI che esclude il Giappone
.MIAPJ0000PUS sale dello 0,7% circa mentre Tokyo .N225 ha
chiuso a +0,14% ben al di sotto dei massimi di seduta.
 Maglia rosa oggi a TAIWAN .TWII sul rally dei finanziari
tra cui Cathay Financial (2882.TW: Quotazione) in vista di un possibile
accordo di cooperazione finanziaria con la Cina entro fine anno.
Sabato partiranno le discussioni preliminari.
 Sono invece i titoli tecnologici e dell'acciaio a bilanciare
le perdite del comparto bancario a SEUL .KS11, mentre SYDNEY
.AXJO ha chiuso ai massimi di oltre tre mesi, ritracciando
però rispetto ai livelli toccati nel corso della seduta dopo la
notizia sul pil cinese.
 Se a HONG KONG .HSI il dato sul rallentamento della
crescita cinese viene interpretato come un possibile indizio di
nuove misure governative, a SHANGHAI .SSEC i titoli energetici
e immobiliari vengono fortemente penalizzati, trascinando il
mercato in territorio negativo.
 In leggero calo anche la borsa indiana .BSESN al
risvegliarsi della cautela degli investitori al termine di un
rally che ha visto i listini salire del 18% nelle ultime otto
sedute.