BORSE ASIA-PACIFICO - Indici misti, tonica Shanghai

martedì 12 gennaio 2010 08:31
 

 ---------------------------------------------------------------
INDICE                      ORE 8,20     VAR%      CHIUSURA 2008
MS A-P exJ .MIAPJ0000PUS    430,82     -0,37           247,35
HONG KONG .HSI           22.358,68     -0,24        14.387,48
SINGAPORE .FTSTI          2.931,40     -0,07         1.761,56
TAIWAN .TWII              8.309,37     -0,17         4.591,22
SEOUL .KS11               1.698,64     +0,27         1.124,47
SHANGHAI COMP .SSEC       3.273,97     +1,91         1.820,80
SYDNEY .AXJO              4.899,50     -1,03         3.722,30
INDIA .BSESN             17.562,00     +0,18         9.647,31
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 12 gennaio (Reuters) - Le borse dell'area
Asia-Pacifico si mostrano miste dopo aver toccato i massimi
degli ultimi 17 mesi ieri, con gli investitori preoccupati
dell'impronta restrittiva della politica monetaria cinese,
mentre il dollaro si mostra tonico dopo che un fondo sovrano
cinese ha dichiarato che la valuta Usa ha toccato il fondo.
 L'indice regionale MSCI, che esclude il Giappone
.MIAPJ0000PUS, cede lo 0,37%. L'indice dell'area Thomson
Reuters  perde lo 0,7%.
 La Banca centrale cinese oggi ha aumentato l'asta di titoli
a un anno di 8,29 punti base, oltre le attese, drenando dal
mercato l'ammontare record di 29 miliardi di dollari, con
segnali di condizioni monetarie più restrittive.
 Le prese di profitto hanno appesantito la borsa di SIDNEY,
frenando in particolare i titoli legati alle materie prime, come
Alumina (AWC.AX: Quotazione) penalizzato dai deludenti risultati del
concorrente statunitense Alcoa.
 Debolezza anche a HONG KONG, dove spicca il rialzo di China
Shenhua Energy (1088.HK: Quotazione) su attese di prezzi energetici in
aumento per il rigido inverno cinese, e a TAIWAN per i realizzi
sui tecnologici come TSMC (2330.TW: Quotazione) e AU Optronics (2409.TW: Quotazione).
 La piazza migliore è SHANGHAI, che ha terminato con un
rialzo vicino al 2% sostenuto dai titoli tlc e dei trasporti
marittimi sulle prospettive di ripresa del ciclo economico.