BORSE ASIA-PACIFICO - Indici in rialzo su speranze ripresa

giovedì 10 settembre 2009 08:56
 

 ---------------------------------------------------------------
INDICE                      ORE 8,45     VAR%      CHIUSURA 2008
MS A-P exJ .MIAPJ0000PUS    382,72     +1,4            247,35
HONG KONG .HSI           21.274,44     +2,06      14.387,48
SINGAPORE .FTSTI          2.698,46     +1,72         1.761,56
TAIWAN .TWII              7.332,13     +1,12         4.591,22
SEOUL .KS11               1.644,90     +2,34         1.124,47
SHANGHAI COMP .SSEC       2.924,213    -0,74         1.820,80
SYDNEY .AXJO              4.570,2      +1,07         3.722,30
INDIA .BSESN             16.315,92     +0,82         9.647,31
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 10 settembre (Reuters) - Le borse asiatiche crescono
per le speranze che la ripresa globale riporti gli investitori
sugli asset più richiosi e il petrolio che trova un supporto
sopra i 71 dollari al barile dopo la decisione Opec di mantenere
la produzione stabile.
 Segni positivi per il mercato sono arrivati da Sud Corea e
Nuova Zelanda che hanno mantenuto i tassi di interesse ai minimi
record e dal Beige Book della Fed che ha mostrato la
stabilizzazione dell'economia Usa anche se alcuni settori
rimangono deboli.
 Intorno alle 8,45 ora italiana l'indice regionale MSCI
.MIAJ0000PUS guadagna l'1,4% a 382,72 punti.
 SEUL .KS11 cresce del 2,3% spinto dalle compagnie di
spedizioni e costruttrici di navi. Dal discorso di ieri, in cui
si confermavano i tassi, il mercato crede che la Banca centrale
coreana potrebbe essere tra le prime a rialzare i tassi,
probabilmente entro fine anno.
 SHANGHAI .SSEC continua con la volatilità che lo ha
contraddistinto negli ultimi giorni rendendo i gestori di fondi
cauti negli acquisti, come mostrato da un sondaggio Reuters.
 HONG KONG .HSI prende spunto più da Wall Street che dalla
Cina e cresce oltre il 2%.
 TAIWAN .TWII ha raggiunto i massimi intraday dopo un
rimpasto di governo che secondo il mercato dovrebbe avvicinare
l'accordo sui servizi finanziari con la Cina.