BORSE ASIA-PACIFICO - Indici contrastati, chiusa borsa indiana

martedì 9 dicembre 2008 08:47
 

----------------------------------------------------------------
INDICE                     ORE 8,35      VAR%     CHIUSURA 2007
MS A-P exJ .MIAPJ0000PUS   231,98     -0,16%           420,30
HONG KONG .HSI          14.764,81     -1,86%        22.554,36
SINGAPORE .FTSTI         1.744,26     +5,13%         3.129,43
TAIWAN .TWII             4.472,66     +1,23%         8.778,39
SEUL .KS11               1.105,84     +0,07%         1.825,23
SHANGHAI COMP .SSEC      2.037,740    -2,54%         3.375,40
SYDNEY .AXJO             3.604,30     -0,75%          5.714,4
BOMBAY .BSESN             chiusa per festività       16.275,59
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 9 dicembre (Reuters) - Panorama contrastato per le
borse dell'area asiatica e del Pacifico dopo la corsa di ieri,
mentre si fa più cauto l'ottimismo sui piani dei governi per
risanare una situazione economia globale sempre più difficile.
 Alle 8,35 l'indice MSCI delle borse asiatiche esclusa quella
giapponese .MIAPJ0000PUS cede lo 0,16%, mentre l'indice Nikkei
.N225 è salito dello 0,8%. In Giappone è stato rivisto al
ribasso il Pil del terzo trimestre e il gigante dell'elettronica
Sony (6758.T: Quotazione) ha annunciato 8.000 tagli.
 "Le notizie sui nuovi interventi di supporto dei governi e
sui piani di stimolo all'economia fanno bene all'umore del
mercato. Ma l'economia vive ancora un pesante rallentamento e
vedremo probabilmente altri dati economici negativi", dice Kwak
Joong-bo, analista di Hana Daetoo Securities a Seoul. 
Brilla in Asia la borsa di SINGAPORE, in rialzo di oltre il
5% grazie a finanziari e immobiliari, mentre TAIWAN si
accontenta di un rialzo dell'1,23%, che la porta comunque a un
massimo di chiusura da una settimana; gli acquisti si sono
concentrati in particolare sulle banche sull'onda delle
speculazioni di un taglio dei tassi di interesse entro la
settimana.
 Piatta SEUL, mentre scendono i mercati cinesi di SHANGHAI e
HONG KONG. A Shanghai il ribasso, segnato da scambi intensi, è
stato guidato dai comparti finanziari e immobiliari sui timori
che i dati macroeconomci di novembre, in agenda nei prossimi
giorni, siano brutti. Su Hong Kong pesano soprattutto i realizzi
dopo il rally di ieri; bene il comparto delle materie prime,
balza di circa il 12% Cina Cosco (1919.HK: Quotazione) all'interno di un
movimento di rimbalzo di tutto il settore dei trasporti.