BORSE ASIA-PACIFICO - Indici misti, pesanti India e Seoul

venerdì 9 gennaio 2009 08:29
 

----------------------------------------------------------------
INDICE                     ORE 8,25     VAR%     CHIUSURA 2008
MS A-P exJ .MIAPJ0000PUS   247,72     -0,61           247,35
HONG KONG .HSI           14.374,21    -0,39        14.387,48
SINGAPORE .FTSTI         1.825,34     -0,12         1.761,56
TAIWAN .TWII             4.502,74     -0,73         4.591,22
SEOUL .KS11              1.180,96     -2,05         1.124,47
SHANGHAI COMP .SSEC      1.904,86     +1,42         1.820,80
SYDNEY .AXJO             3.735,7      +1,12         3.722,30
INDIA .BSESN             9.334,80     -2,69         9.647,31
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 9 gennaio (Reuters) - Borse asiatiche in ordine
sparso mentre l'attenzione è rivolta al dato chiave Usa sul
mercato del lavoro che verrà diffuso nel pomeriggio italiano.
 L'attesa è di oltre mezzo milioni di posti di lavoro sfumati
a dicembre con un tasso di disoccupazione al 7%, il massimo in
15 anni. "I mercati sono già preparati a cattive notizie sul
fronte occupazione. Ma il vero test sarà la reazione di Wall
Street", commenta Linus Yip, strategist di First Shanghai
Securities a Hong Kong.
 Poco prima delle 8,30 l'indice MSCI dell'area Asia Pacifico
.MIAPJ0000PUS, escluso il Giappone, è in calo dello 0,58%. Il
Nikkei .N225 ha perso lo 0,45%.
 Pesante la borsa indiana, l'indice BSE è in calo di quasi il
3%. Il timore è che lo scandalo che sta coinvolgendo la società
indiana di IT, Satyam Computer Services SATY.BO, provochi un
fuggi fuggi degli investitori esteri dal paese. Il presidente
della società si è dimesso due giorni fa dopo aver confessato
che gli utili della società sono stati gonfiati negli ultimi
anni.
 Lettera anche sulla borsa sudcoreana sulla scia delle
perdite in India. SEOUL cede oltre il 2% penalizzato anche dal
taglio dei tassi di interesse di 50 punti base a un livello
record. La banca centrale ha anche avvertito che la quarta
economia della regione potrebbe rallentare ulteriormente.
 SHANGHAI ha chiuso in rialzo di oltre un punto percentuale
sostenuta dai guadagni dei titoli energetici, sull'attesa di
aiuti finanziari da parte del governo. Stabili le banche dopo le
recenti forti perdite.
 Denaro anche a SIDNEY grazie al recupero dei titoli minerari
e sulle speranza di un altro taglio dei tassi di interesse in
Australia il prossimo mese.
 Poco mossa SINGAPORE sostenuta dai titoli tecnologici su
speculazioni di operazioni di M&A.