BORSE ASIA-PACIFICO - Indici sott'acqua, -4,3% per Hong Kong

mercoledì 8 aprile 2009 08:47
 

----------------------------------------------------------------
INDICE                      ORE 8,30     VAR%     CHIUSURA 2008
MS A-P exJ .MIAPJ0000PUS    254,53     -3,83           247,35
HONG KONG .HSI           14.279,86     -4,35        14.387,48
SINGAPORE .FTSTI          1.756,11     -2,57         1.761,56
TAIWAN .TWII              5.443,56     -2,39         4.591,22
SEOUL .KS11               1.262,07     -2,93         1.124,47
SHANGHAI COMP .SSEC        2375,05     -2,62         1.820,80
SYDNEY .AXJO              3.619,50     -2,34         3.722,30
INDIA .BSESN             10.252,45     -2,64         9.647,31
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 8 aprile (Reuters) - Segno meno per tutte le borse
asiatiche, ma la peggiore è HONG KONG affossata da HSBC
(0005.HK: Quotazione) e dai timori per la tornata di trimestrali appena
cominciata in America con Alcoa (AA.N: Quotazione).
 Ovunque banche, produttori di auto e tecnologici sono i
comparti maggiormente bersagliati dai realizzi, dopo i guadagni
di marzo sulla scia dell'ottimismo per gli aiuti e le manovre di
stimolo governative. "Ora, senza motivi se non di ordine
tecnico, questi settori tornano indietro", commenta un
operatore.
 Secondo un sondaggio Thomson Reuters, gli utili delle
società dell'indice americano S&P 500 dovrebbero calare quasi
del 40% nel primo trimestre. "I risultati di Alcoa hanno messo
pressione", dice un trader. "Penso che la fase di rally possa
dirsi per ora conclusa", fa eco uno strategist della Tolyo
Securities.
 L'indice MSCI che esclude il Giappone .MIAPJ0000PUS cede
il 2%. Sul piano valutario tonico il dollaro/yen, che lunedì
aveva toccato il massimo da sei mesi per poi ritracciare. Calo
di circa 2 dollari per il greggio americano CLc1, verso i 48
dollari/barile.
 Scivolone intorno al 3% per SEUL, dove cedono le banche,
mentre a TAIWAN sono sott'acqua soprattutto i tecnologici. 
 A SYDNEY si distingue con un rialzo che sfiora il 10%
Asciano Group, che ha dichiarato di essere alla ricerca di un
compratore. 
 A SHANGHAI l'indice ha toccato il minimo da una settimana
trainato al ribasso dai finanziari, mentre a SINGAPORE si fanno
notare, pesanti, i titoli legati al settore energetico come
Keppel Corp o Sembcorp Marine.