BORSE ASIA-PACIFICO- Indice area cede 7%,tornano timori economia

giovedì 6 novembre 2008 08:52
 

----------------------------------------------------------------
INDICE                     ORE 8,40      VAR%     CHIUSURA 2007
MS A-P exJ .MIAPJ0000PUS   245,04     -7,4%            420,30
HONG KONG .HSI          13.702,61     -7,67%        22.554,36
SINGAPORE .FTSTI         1.786,12     -4,43%         3.129,43
TAIWAN .TWII             4.694,12     -5,71%         8.778,39
SEUL .KS11               1.092,22     -7,56%         1.825,23
SHANGHAI COMP .SSEC      1.717,722    -2,44%         3.375,40
SYDNEY .AXJO              4.149,7     -4,31%          5.714,4
BOMBAY .BSESN            9.674,98     -4,4%        16.275,59
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 6 novembre (Reuters) - Le borse dell'area
Asia-Pacifico si muovono pesantemente, con l'indice della zona
che perde il 7%, su rinnovarsi dei timori di una recessione
profonda e prolungata, in particolare negli Stati Uniti.
 Sembra quindi essere stata di breve durata l'euforia per il
cambio radicale nella politica statunitense, con la vittoria del
47enne democratico Barack Obama, primo inqulino nero alla Casa
Bianca.
 "Con la fine delle elezioni negli Usa, l'attenzione degli
investitori è di nuovo rivolta all'economia, con la sensazione
che niente possa essere fatto velocemente per fermare il
rallentamento dell'economia globale", commenta Hideyuki
Ishiguro, strategist di Okasan Securities a Tokyo.
 Poco dopo le 8,30 il MSCI index delle borse
dell'Asia-Pacifico, escluso il Giappone, .MIAPJ0000PUS perde
il 7,34%. L'indice è in rosso di quasi il 54% da inizio anno. Il
Nikkei .N225 ha ceduto oggi il 6,5% con gli esportatori
penalizzati dalla nuova forza dello yen.
 In recupero i titoli di Stato, soprattutto giapponesi, che
approfittano della caduta degli azionari. Il futures sul titolo
a 10 anni sta recuperano terreno dopo i minimi dei tre mesi
toccati a ottobre.
 In ribasso le quotazioni sul petrolio, con il futures Usa
scadenza dicembre CLc1 in calo di circa 1% a 65,53 dollari al
barile. Dalle ultime statistiche Usa è emerso un aumento delle
scorte di benzina a causa del calo della domanda.
 HONG KONG è in calo di oltre il 7% penalizzato anche dalla
flessione del 13% circa di Cathay Pacific (0293.HK: Quotazione). La
compagnia aerea ha lanciato l'allarme sulle perdite legate al
costo del carburante per 360 milioni di dollari che peseranno
sui risultati 2008.
 Flessione del 7% anche a SEUL appesantita da bancari ed
esportatori. Le prese di beneficio su finanziari e sui titoli
delle società attive nell'estrazione di carbone trascinano al
ribasso SHANGHAI, dopo il balzo del 3% della vigilia.