CORRETTO - BORSE ASIA-PACIFICO - Indici ai massimi due mesi

lunedì 5 gennaio 2009 12:48
 

 Corregge alcune chiusure del 2008
 
----------------------------------------------------------------
INDICE                     ORE 8,50      VAR%     CHIUSURA 2008
MS A-P exJ .MIAPJ0000PUS   257,14     +2,21            247,35
HONG KONG .HSI          15.479,25     +2,90         14.387,48
SINGAPORE .FTSTI         1.898,14     +3,74          1.761,56
TAIWAN .TWII             4.698,31     +2,33          4.591,22
SEUL .KS11               1.173,57     +1,4           1.124,47
SHANGHAI COMP .SSEC      1.880,716    +3,29         1.820,805
SYDNEY .AXJO             3.687,00     -0,72          3.722,30
INDIA .BSESN             10.178,61    +2,2           9.647,31
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 5 gennaio (Reuters) - Seduta positiva per le borse
asiatiche, ai massimi degli ultimi due mesi sulle attese di una
ripresa dell'economia globale nella seconda parte del nuovo
anno.
 I massicci interventi di spesa dei governi, e le aspettative
sugli effetti positivi per l'economia dei consistenti pacchetti
di stimolo hanno fatto ritornare l'appetito degli investitori
verso asset più rischiosi.
 In particolare le aspettative si sono concentrate su un
possibile nuovo piano fiscale Usa del presidente eletto Barak
Obama, i cui dettagli saranno discussi oggi con il leader del
Congresso.
 L'indice MSCI dell'area Asia Pacifico .MIAPJ0000PUS,
escluso il Giappone guadagna il 2,2% sui livelli massimi da due
mesi portando i guadagni delle prime due sedute del 2009 al 3%
dopo il record negativo dell'anno scorso di -53%.
 L'indice Hang Seng di HONG KONG sale di quasi il 3% grazie
alla spinta dei telefonici come China Mobile (0941.HK: Quotazione) sulle
attese che l'operatore cinese otterrà al più presto la licenza
per offrire  servizi tlc di terza generazione (3G).
 Forti anche le borse di SINGAPORE e TAIWAN con gli
investitori che, sulla scia dell'ottimismo generale, si sono
concentrati verso i titoli con maggiori potenzialità di
crescita.
 Più cauta SEUL dove comunque si sono messe in evidenza i
titoli bancari e delle auto. SHANGHAI festeggia il nuovo anno
con un balzo di oltre il 3% sui titoli industriali del settore
dei metalli per le attese dei benefici del piano del governo
sulle costruizioni e infrastrutture.
 Debole la borsa australiana mentre quella indiana sale di
oltre il 2% sul consistente taglio dei tassi da parte della
banca centrale e sulla misure del governo per sostenere la
crescita.