BORSE ASIA-PACIFICO - Indici pesanti con energia e metalli

giovedì 4 giugno 2009 08:51
 

 ---------------------------------------------------------------
INDICE                      ORE 8,45     VAR%    CHIUSURA 2008
MS A-P exJ .MIAPJ0000PUS    325,61     -2,42           247,35
HONG KONG .HSI           18.230,84     -1,86        14.387,48
SINGAPORE .FTSTI          2.364,59     -0,81         1.761,56
TAIWAN .TWII              6.786,06     -1,55         4.591,22
SEOUL .KS11               1.378,14     -2,6          1.124,47
SHANGHAI COMP .SSEC       2.763,14     -0,54         1.820,80
SYDNEY .AXJO              3.934,6      -2,06         3.722,30
INDIA .BSESN             14.742,90     -0,86          9.647,31
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 4 giugno (Reuters) - Le borse del Sud-est asiatico
accusano perdite anche superiori ai due punti percentuali, dopo
i deludenti dati macro Usa sul mercato del lavoro e sul settore
dei servizi che hanno gettato delle ombre sui segnali di ripresa
dell'economia globale.
 In calo anche i prezzi dei metalli, mentre il dollaro è in
tenuta contro euro dopo il deciso rimbalzo della notte con gli
investitori che scommettono meno sulle valute a maggior
rendimento.
 Ad appesantire le piazze asiatiche, i titoli dei metalli ed
energetici dopo i massimi degli ultimi otto mesi toccati ieri.
L'indice MSCI delle borse dell'area Asia-Pacifico, escluso il
Giappone, .MIAPJ0000PUS intorno alle 8,30 cede il 2,67%.
 A HONG KONG indice benchmark in calo di oltre il 2%
appesantito soprattutto dai titoli energetici penalizzati dalla
flessione del prezzo del greggio e dalla ripresa del dollaro.
 Calo superiore al 2% anche per SEOUL, la peggiore perdita
percentuale in una sola sessione da cinque settimane. I
rinnovati timori sull'economia hanno penalizzato soprattutto i
titoli industriali. Male anche i bancari.
 SIDNEY ritraccia dai massimi sette mesi sulla scia dei
minerari. Nessuna borsa dell'area riesce a conquistare il
terreno positivo. La migliore è comunque SHANGHAI con una
flessione inferiore all'1%. Il maggiore produttore petrolifero
asiatico, PetroChina (601857.SS: Quotazione), cede l'1,6%.