BORSE ASIA-PACIFICO - Indici contrastati, forte Seul

martedì 4 novembre 2008 08:24
 

----------------------------------------------------------------
INDICE                     ORE 8,15      VAR%     CHIUSURA 2007
MS A-P exJ .MIAPJ0000PUS   254,23     -0,8%            420,30
HONG KONG .HSI          14.383,89     +0,28%        22.554,36
SINGAPORE .FTSTI         1.862,09     -1,15%         3.129,43
TAIWAN .TWII             4.992,63     -0,05%         8.778,39
SEUL .KS11               1.153,35     +2,15%         1.825,23
SHANGHAI COMP .SSEC      1.706,703    -0,76%         3.375,40
SYDNEY .AXJO              4.215,1     -0,15%          5.714,4
BOMBAY .BSESN           10.273,04     -0,63%       16.275,59
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 4 novembre (Reuters) - Le borse dell'area
Asia-Pacifico sono in prevalenza deboli o poco mosse, con gli
investitori che rimangono fermi in attesa di conoscere l'esito
delle elezioni presidenziali Usa.
 La voce fuori dal coro è Tokyo, con il Nikkei in rialzo di
oltre il 6%. La borsa giapponese ha così recuperato la giornata
di vacanza di ieri quando le altre piazze dell'area erano
positive.
 Poco dopo le 8 italiane l'indice Msci MIAPJOOOOPUS che
esclude il Giappone cede lo 0,87%, interrompendo così una serie
di cinque sedute di guadagni.
 Ieri Wall Street ha chiuso poco variata e anche le borse
europee dovrebbero esordire senza troppa convinzione. Incubo
recessione e attesa per le elezioni Usa tengono i mercati
ingessati.
 Nel frattempo è giunta la notizia, positiva per gli
azionari, di un nuovo allentamento in politica monetaria, con il
taglio di 75 punti base ai tassi di interesse australiani. Ora
gli occhi sono puntati in settimana su Bce e Banca di
Inghilterra.
 Sul mercato valutario in recupero lo yen contro euro e
dollaro. Ancora sotto pressione i prezzi delle materie prime a
causa del rallentamento della domanda globale, per la crisi
economica. Il petrolio CLc1 viaggia sotto i 64 dollari al
barile. In rialzo l'oro.
 In un panorama di debolezza diffusa, in netta controtendenza
SEUL grazie al positivo andamento di banche e costruzioni dopo
che il governo ha annunciato nuove misure di sostegno
all'economia.
 Chiusura sui minimi degli ultimi 26 mesi per SHANGHAI,
depressa dai timori recessione e dai titoli minerari su attesa
di taglio della produzione per la debolezza della domanda.
 Poco mossa SIDNEY, sopra i minimi di seduta, dopo che la
Banca centrale del paese ha ridotto il costo del denaro con un
taglio di 75 punti base, al di sopra delle attese, in uno sforzo
per dare impulso all'economia.
 Positiva HONG KONG con scambi volatili. Pesante il
petrolifero CNOOC (0883.HK: Quotazione) a causa della flessione delle
quotazioni del greggio.