BORSE ASIA-PACIFICO - Outlook economia globale affossa indici

martedì 2 dicembre 2008 08:36
 

----------------------------------------------------------------
INDICE                     ORE 8,25      VAR%     CHIUSURA 2007
MS A-P exJ .MIAPJ0000PUS   215,45     -4,57%           420,30
HONG KONG .HSI          13.402,95     -5,00%        22.554,36
SINGAPORE .FTSTI         1.653,84     -2,15%         3.129,43
TAIWAN .TWII             4.356,98     -3,57%         8.778,39
SEUL .KS11               1.023,20     -3,35%         1.825,23
SHANGHAI COMP .SSEC      1.889,638    -0,26%         3.375,40
SYDNEY .AXJO              3.528,2     -4,16%          5.714,4
BOMBAY .BSESN             8.545,22    -3,33%         16.275,59
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 2 dicembre (Reuters) - Seduta negativa per le borse
dell'area Asia-Pacifico, appesantite dai segnali di un acuirsi
del peggioramento economico globale che alla vigilia ha
affossato i mercati internazionali, spingendo i rendimenti del
Treasury benchmark ai minimi dagli anni '50.
 A deprimere ulteriormente gli umori dei mercati è arrivata
la conferma che l'economia Usa è entrata in recessione circa un
anno fa. Il presidente della Federal Reserve Ben Bernanke ha poi
detto che la banca centrale sta valutando misure estreme come
l'acquisto di bond governativi per rilanciare la crescita.
 Inoltre, una serie di dati che mostrano una contrazione
dell'attività manifatturiera in tutto il mondo al tasso più
veloce dell'ultimo decennio mette in evidenza le ripercussioni
della crisi del credito su imprese e famiglie.
 I prezzi dei titoli di stato, tradizionali acquisti rifugio,
sono saliti mentre le quotazioni del petrolio sono scese ai
minimi di 3 anni e mezzo sulle preoccupazioni per la domanda.
 Intorno alle 8,25 italiane l'indice MSCI che esclude il
Giappone perde circa il 4,5%. Tokyo ha chiuso con il Nikkei in
ribasso di oltre il 6%.
 HONG KONG .HSI è tra le più colpite dalle vendite
risentendo dei deboli dati sulla manifattura Usa e cinese, con i
titoli immobiliari, finanziari e petroliferi particolarmente
penalizzati.
 Di contro, SHANGHAI .SSEC sovraperforma gli altri listini
chiudendo con un modesto calo dello 0,26% sulla speranza di
forti misure di sostegno economico da parte del governo.
 A SINGAPORE .FTSTI le perdite sono guidate dai titoli
delle materie prime mentre a TAIWAN .TWII si segnala il tonfo
del gruppo di chip TSMC (2330.TW: Quotazione) dopo il taglio delle
previsioni di vendite e margini per il trimestre in corso.
 SEOUL .KS11 chiude in calo di oltre il 3%, appesantita da
tecnologici ed esportatori di auto, sotto pressione per i timori
economici.
 In AUSTRALIA .AXJO la preoccupazione per lo stato di
salute dell'industria manifatturiera mondiale affossa minerari
ed energetici, mentre il deciso taglio dei tassi di interesse da
parte della banca centrale del paese non riesce a incoraggiare
gli acquisti.