BORSE ASIA-PACIFICO - Indici in netto calo, giù titoli tech

lunedì 1 settembre 2008 09:00
 

----------------------------------------------------------------
INDICE                     ORE 8,30       VAR%    CHIUSURA 2007
MS A-P exJ .MIAPJ0000PUS   380,08     -2,44%           420,30
HONG KONG .HSI           20875,68     -1,82%        22.554,36
SINGAPORE .FTSTI          2702,23     -1,38%         3.129,43
TAIWAN .TWII              7046,11     -3,31%         8.778,39
SEUL .KS11               1.474,24     -4,06%         1.825,23
SHANGHAI COMP .SSEC      2321,905     -3,15%        3.375,407
SYDNEY .AXJO             5.135,60     -0,34%          5.714,4
BOMBAY .BSESN           14.314,88     -1,71%        16.275,59
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 1 settembre (Reuters) - Ondata di vendite sui
mercati asiatici, appesantiti dai ribassi dei titoli tecnologici
e dal rincaro del petrolio, sopra i 116 dollari al barile, per i
timori legati all'uragano Gustav, che minaccia ora la costa Usa
del Golfo.
 Alle 8,30 l'indice MSCI dell'area Asia-Pacifico, che
esclude il Giappone .MIAPJ0000PUS, perde il 2,44%, mentre
TOKYO .N225 ha lasciato sul terreno l'1,83%.
 SHANGHAI .SSEC perde più del 3% in un clima di diffuso
pessimismo sui prossimi risultati aziendali; da inizio anno ha
perso più del 53%. HONG KONG .HSI scende dell'1,8%.
 La maglia nera va a SEUL .KS11, in calo del 4% in una
giornata di passione per la valuta coreana won che ha perso
circa il 2% sul dollaro KRW=, giungendo ai minimi da novembre
2004, nonostante i ripetuti interventi decisi nel corso
dell'anno dalla banca centrale. Il mercato coreano è entrato a
settembre in una fase critica per l'ingente ammontare di bond
denominati in won in scadenza in mano a investitori esteri. Il
timore è di un massiccio ricorso ai riscatti.
 Pesante anche TAIWAN .TWII, sui minimi da un mese e mezzo,
penalizzata dai risultati sotto le attese del gruppo elettronico
Hon Hai (2317.TW: Quotazione), che ha lasciato sul terreno quasi il 7%.
 Più resistente l'AUSTRALIA, sostenuta dai titoli bancari
sulle attese di un taglio dei tassi di interesse domani da parte
della banca centrale.
 (Redazione Milano, reuters messaging:
claudia.cristoferi.reuters.com@reuters.net, +390266129557,
milan.newsroom@news.reuters.com))