BORSE ASIA-PACIFICO - Indici in ordine sparso, forte Sidney

mercoledì 1 ottobre 2008 08:32
 

----------------------------------------------------------------
INDICE                     ORE 8,20       VAR%    CHIUSURA 2007
MS A-P exJ .MIAPJ0000PUS   328,72     +1,76%           420,30
HONG KONG .HSI          CHIUSA PER FESTIVITA'       22.554,36
SINGAPORE .FTSTI        CHIUSA PER FESTIVITA'        3.129,43
TAIWAN .TWII             5.764,01     +0,78%         8.778,39
SEUL .KS11               1.439,67     -0,58%         1.825,23
SHANGHAI COMP .SSEC     CHIUSA PER FESTIVITA'       3.375,407
SYDNEY .AXJO              4.794,6     +4,22%          5.714,4
BOMBAY .BSESN           12.753,05     -0,83%        16.275,59
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 1 ottobre (Reuters) - Borse dell'area Asia-Pacifico
in ordine sparso, con alcune piazze che tentano il rimbalzo
sulla speranza che una qualche forma del piano di salvataggio
Usa superi l'esame del Senato.
 Sembra che sui mercati stia tornando l'avversione al
rischio, mentre si apre l'ultimo trimestre dell'anno, come
dimostra il recupero del rendimento del T-Bond a un mese salito
di 17 punti base all'1,75%.
 Dopo aver toccato brevemente i minimi di quattro mesi contro
yen ieri, il dollaro sta recuperando sull'attesa di un rilancio
dell'economia americana dall'approvazione del piano di
salvataggio. Euro debole contro il biglietto verde dello 0,1%
dopo aver perso nella notte due punti percentuali.
 L'indice regionale MSCI - che esclude Tokyo - poco prima
delle 8,30 sale dell'1,76%.
 Con alcune borse dell'area chiuse per festività, si mette in
evidenza SYDNEY, in rialzo di oltre il 4%, sostenuta dai
minerari come BHP Billiton (BHP.AX: Quotazione) e Rio Tinto (RIO.AX: Quotazione) dopo
che l'autorità di controllo australiana ha dato il via libera
all'offerta di BHP per Rio.
 Denaro anche a TAIWAN con i tecnologici come il chip TSMC
(2330.TW: Quotazione). Il governo ha annunciato il divieto per due settimane
di vendere allo scoperto.
 Debolezza invece a BOMBAY dove sembrano prevalere le
incertezze sulla crisi finanziaria globale.