Borse Asia Pacifico positive su attenuarsi timori credito

mercoledì 30 luglio 2008 08:42
 

MILANO (Reuters) - Le piazze finanziarie della regione Asia-Pacifico si muovono in territorio positivo, incoraggiate dall'attenuarsi delle tensioni legate alla crisi creditizia e dalla contemporanea corsa del dollaro e frenata delle quotazioni del petrolio.

Gli investitori cercano di guardare il lato positivo dell'annuncio di un aumento di capitale e di nuove svalutazioni per 5,7 miliardi di dollari da parte di Merrill Lynch. Sta infatti prendendo piede l'opinione secondo cui la decisione della banca americana potrebbe rappresentare un punto di svolta decisivo nella crisi creditizia.

Nel frattempo i prezzi dell'oro nero Usa sono in calo sulla piazza asiatica, mantenendosi di poco sotto l'area 122 dollari il barile.

Favorito dall'allentarsi delle preoccupazioni per lo stato di salute dell'economia americana, dopo il miglioramento inaspettato della fiducia dei consumatori in luglio, il dollaro scambia in prossimità dei massimi di un mese contro lo yen.

Intorno alle 8,30 l'indice MSCI delle borse dell'area Asia-Pacifico, fatta eccezione del Giappone, è in rialzo dell'1,49%.

Positive tutte le piazze finanziarie della regione ad eccezione di SHANGHAI, con i rialzi che si fanno particolarmente marcati a BOMBAY e HONG KONG.

SYDNEY interrompe una serie negativa di tre sedute, sostenuta dal rally dei bancari e dei titoli più colpiti dalle vendite nelle ultime sessioni.

SEUL chiude in rialzo dello 0,67% grazie in particolare ai titoli legati all'export, favoriti a loro volta dal calo delle quotazioni dell'oro nero. Tuttavia nella seconda parte di seduta l'indice composito sudcoreano ha ridotto i guadagni, dopo che le società di ingegneria navale e i titoli della galassia Kumho Asiana Group sono crollati.

 
<p>REUTERS/Stringer</p>